Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità essenziali. Se vuoi saperne di più sui cookie utilizzati clicca su "Più Informazioni". Chiudendo questo banner o iniziando la navigazione, acconsentirai al loro uso.

 

US CISANESE NUOVO 80x100U.S. CISANESE US CISANESE NUOVO 80x100

dal 1921 ai giorni nostri

Siamo la storica società calcistica di Cisano Bergamasco, una delle più prestigiose della bergamasca e non solo, l’Unione Sportiva Cisanese è nata nel lontano 1921.
La nostra è una lunga storia, piena di soddisfazioni e di difficoltà, durante la quale abbiamo dato sfogo alla passione per il calcio ed ai sogni di migliaia di ragazzi di Cisano e dintorni. Cercheremo in queste poche righe di ricostruire la storia della U.S. Cisanese dal lontano 1921 ai giorni nostri, consapevoli che raccontare un’attività tanto longeva potrebbe evidenziare lacune e imprecisioni. Ci scusiamo di queste eventualità con tutti i cisanesi.

 

 La Storia

spillaL'Unione Sportiva Cisanese nasce nel 1921 con la denominazione di "JUVENTUS NOVA". Primo Presidente e il Signor Magnetti Cav. Paolo, Sindaco e poi Podestà di Cisano, coadiuvato dai figli e dai signori Mangili, Gerosa e fratelli Crippa. Madrina della bandiera bianco e nero, i colori della Società, è la signora Rina Mora Gerosa. Il campo di giuoco è quello storico, ancora oggi utilizzato da giocatori amatoriali, situato dietro il Palazzo del Municipio e lo sarà sino all'ottobre 1977 quando verrà inaugurato l'attuale del Centro sportivo di Via Cà de Volpi. In questo periodo, successivo alla prima Guerra Mondiale, la Società è affiliata all'U.L.I.C. (Unione Libera Italiano di Calcio} che nella Bergamasca ha operato sino alla metà degli anni Trenta diventando poi Sezione Propaganda. Anche la nostra squadra di calcio adeguandosi, cambia il proprio nome da Juventus Nova in Dopolavoro Cisano, ed è Presidente il Signor Angiolino Comi e Segretario il Signor Pietro Rota Graziosi. Ma veniamo al periodo del secondo dopoguerra, quando alcuni giovani rimboccatesi le maniche, riattivano il campo sportivo che negli anni di guerra era stato coltivato ad ortaglia per necessità ben più serie. E senz'altro l'amore per il proprio paese e la grande passione per il gioco del calcio che anima questi Cisanesi, alcuni dei quali giocheranno poi nella squadra comportandosi brillantemente, e li sostiene in un lavoro non indifferente per ridare a Cisano un campo di gioco ed una Società che si faccia conoscere nei paesi limitrofi per serietà e bravura agonistica.

 

 

Unione Sportiva Cisanese

Nell'ultimo dopoguerra, l’Unione Sportiva Cisanese, con sede a il Caffè Centrale, finalmente con la denominazione che l'accompagna sino a noi, si iscrive alla F.I.G.C. e disputa alcuni campionati di 2a Divisione prevalentemente incontrando squadre di paesi Comaschi e Brianzoli. Presidente della rinascita nel Dopoguerra è ancora il Signor Angiolino Comi con i Signori Mario Gerosa e Pino Rota Graziosi suoi infaticabili collaboratori. I successi non tardano a venire. Più volte la nostra squadra vince il proprio campionato meritandosi la promozione nella Divisione Superiore, ma purtroppo le misure non regolamentari del campo di gioco non permettono il salto di categoria ed è questa la causa maggiore della interruzione dell'attività nel 1952. Negli anni successivi all'interruzione, l’attività calcistica Cisanese prosegue con squadre oratoriali C.S.I.: "Disperata A"," Disperata B", nel settore ragazzi, guidate dai signori Angeli e Rossi, e "Cisano", nel settore giovani, responsabile di quest'ultima il signor Enrico Magnetti. Passano una decina di anni e solo nel 1960-61, 40° di Fondazione, l’Unione Sportiva Cisanese riemerge iscrivendosi al Campionato Provinciale C.S.I. (Centro Sportivo Italiano) settore Giovanile, mettendo così le basi per una attività agonistica che non si interromperà più. Presidente e il Sig. Pino Pozzoni, con Giampietro Isacchi, Sergio Bonacina e Aldo Rota Graziosi veri factotum ed i Signori Mario Gerosa e Pino Rota Graziosi consiglieri di lunga esperienza nella Società. La squadra è composta da ragazzi dai 15 ai 18 anni che bene si comportano nell'affrontare i pari età negli incontri prevalentemente giocati nei campi oratoriali dei paesi vicini. La bravura e serietà di questi giovani fa decidere ai dirigenti un passo importante affiliare la Società alla F.I.G.C. disputando Campionatura organizzati dalla Federazione Nazionale. Così è. Siamo nel 1964. Scendono in campo i ragazzi che si sono fatti una buona esperienza nel C.S.I., integrati con giocatori più anziani di esperienza e maturità calcistica. Nel 1966, 45° di Fondazione, succede alla Presidenza Pozzoni il Signor Ettore Pellegrini e nel 1966-67 l'U.S. Cisanese vince il campionato di 2a Categoria approdando alla 1a.

 

Gli anni ruggenti

Nel 1968 la squadra disputa la Coppa Lombardia 1a Categoria e giunge alla finale superata dal Chiari. Alla fine del campionato 1969-70, vinto alla grande, si è in Promozione e due anni dopo 1972-73 I'U.S. Cisanese è in serie "D", massimo traguardo raggiunto, dove incontra squadre di città come Bolzano, Carpi, Sesto S. Giovanni, Guastalla. Durerà solo un anno questa avventura in serie "D" ma rimarrà incancellabile: nel ricordo di chi l'ha vissuto sia come giocatore, dirigente o tifoso Cisanese. Nella stagione 1973-74 si è· di nuovo in Promozione. E questa senz'altro il periodo d' oro dell’U.S. Cisanese. La Presidenza Pellegrini annovera non solo successi nei campionati ma anche ottimi risultati in Coppa Italia Dilettanti alla quale partecipa ripetutamente nel periodo 1970-80. Basta ricordare la Coppa Italia 1970-71, 50° di Fondazione, dove la squadra arriva ai quarti di finale superata dal Montebelluna, che vincerà poi la Coppa. Ma ritorniamo al campionato che è il filo conduttore dei nostri ricordi. Dopo dieci anni di presidenza, nel 1976, il signor Ettore Pellegrini cede il posto al signor Franco Colombo. La squadra è in 1a Categoria ma dopo soli due anni 1978-79 e di nuovo in Promozione per ridiscendere in 1a Categoria e ritornare nel campiobato 1981-82, 60° di Fondazione, a giocare in Promozione per due anni sotto la Presidenza del signor Aurelio Giovinetti. Nel 1983 Presidente è il signor Carlo Stefano Panzeri, Due anni dopo gli succede il signor Carlo Locatelli che lascerà nel 1987 la Presidenza con oneri ed onori al Signor Giampietro lsacchi, uomo testimonial della U.S. Cisanese. Sono questi anni di alterne fortune. La squadra scende nel 1985-86, 65° di Fondazione, addirittura in Seconda Categoria e ritorna in Prima nel 1987-88 e in Promozione nel 1989-90 dove rimarrà una sola annata. Dal campionato 1990-91, 70° di Fondazione, e di nuovo in 1a Categoria dove disputerà questi ultimi 6 tornei.
Nel 1993 viene eletto come presidente il signor Elio Camozzini, carica che ricoprirà sino al 2003 ad eccezione dell’annata calcistica 1999/2000, quando alla presidenza si era stato incaricato il signor Gustavo Pianelli. Il signor Camozzini ha saputo portare l’entusiasmo e le ambizioni dei traguardi più prestigiosi, alternando campionati di 1° categoria con quelli di Promozione.
La stagione calcistica 2003/2004 sarà presieduta dal signor Donadoni, passando nella stagione successiva la carica al signor Spiga il quale nel primo anno di presidenza portò la squadra in Promozione e alla vittoria in coppa Lombardia.
Dal 2007 è stato eletto Presidente il Signor Roberto Regazzoni, carica che ricopre tuttora. In questi anni l’attuale presidenza, con impegno, serietà e competenza, è riuscita non solo a dare all’Unione Sportiva Cisanese una solidità economica e a portare la 1° squadra a livelli che le competono, ma anche a far riqualificare il settore giovanile, inserendo in ogni categoria degli ottimi istruttori e allestendo delle squadre che non hanno nulla da invidiare a società più importanti della zona.
Il 91° anno di attività è un bel traguardo. Ma non un punto di arrivo, anzi, anno dopo anno la speranza di tutti è quella di poter migliorare, riuscendo a forgiare dei ragazzi, non solo come giocatori pronti ad esordire in squadre di calcio più importanti, ma anche a prepararli ad affrontare la partita ben più seria della vita con lealtà, correttezza e onestà come una partita di calcio può insegnare.

Prima di terminare questo breve racconto ci sembra doveroso ringraziare tutte quelle persone, dirigenti, allenatori, giocatori, collaboratori e volontari, Cisanesi e non, che dal lontano 1921 sino ai giorni nostri, si sono prodigati non risparmiando fatiche e denaro, perché il nome di Cisano emergesse nel mondo sportivo calcistico.